Pane croccante o crackers alla segale svedese il Knackebrod

Cucinato da Barbara
Quando ho visto la ricetta per il Re-Cake 2.0 di gennaio sono stata davvero entusiasta! Era da un po' che cercavo una ricetta valida per dei crackers da portarmi in ufficio ed ho trovato il knackebrod, il tipico pane croccante svedese. E' anche l'occasione per inaugurare una rubrica mensile per Ricette Barbare, la SchiscettaSanaGustosa. Per quanti, come la sottoscritta, causa l'assenza di mense aziendali ed il costo di un pranzo al ristorante devono ogni giorni portarsi il pranzo da casa, tante ricette facili, gustose e anche sane!

Aspettatevi un pane davvero croccante, visto che il nome dovrebbe ricordare il rumore che produciamo mentre mastichiamo questo pane integrale rustico, come racconta Mimi Sheraton Falcone nel libro 1000 Cibi da provare nella vita.


Sapore: Adoro il sapore della segale, il croccante dei semi, questo pane mi piace un sacco
Complessità: Poca manualità necessaria, quindi dal mio punto di vista poca difficoltà
Dove l’ho trovato?  La Cucina di Zia Ale

E trovo che questo sia davvero uno dei piatti da provare nella vita! Gli ingredienti che ho utilizzato per realizzare una trentina di knackebrod, il pane croccante che a mio modo di vedere sono degli ottimi crackers sono:

100 g di farina di segale integrale
115 g di farina di farro
25 g di fiocchi di avena
250g di semi vari, io ho usato sesamo, lino, girasole e zucca
1 cucchiaino raso di bicarbonato
1 cucchiaino raso di sale
170 ml di acqua
80 ml di olio extravergine di oliva


Realizzare lo knackebrod è di una semplicità unica: in una ciotola miscelare le farine con il sale ed il bicarbonato. Unire i semi e mescolare nuovamente. Infine mescolare l'acqua con l'olio ed unirli al tutto.  L’impasto va lavorato poco, lo stretto necessario ad ottenere un panetto compatto e molto appiccicoso.

Si posiziona metà dell’impasto su di un foglio di carta forno poggiato sul tavolo e lo si copre con un altro foglio di carta forno. Si stende quindi con l'aiuto di un mattarello ad un’altezza di 2-3 mm e si trasferisce l’impasto con la carta forno su una teglia. Si elimina il foglio di carta forno superiore e si inforna a 200°C per circa 20 minuti.

Si toglie la teglia dal forno e con un coltello o un tagliapasta si incide l’impasto, formando rettangoli, quadrati o la forma che più vi aggrada, rimettendo poi in forno per altri cinque minuti.

Sfornare con tutta la teglia, lasciandola raffreddare per 10 minuti, poi trasferire su una gratella fate raffreddare completamente, per ripetere poi la cottura con la restante metà dell’impasto.

Conservati in un barattolo ermetico al riparo dall'umidità i knackebrod durano per tantissimi giorni.

Se vi ho incuriosito e volete saperne di più del gruppo Re-Cake 2.0 cliccate sull'immagine! 


Chiudo con un consiglio: realizzate l'impasto raddoppiando le dosi, questo Knackebrod, pane croccante alla segale svedese o crackers  da dipendenza!

10 commenti:

  1. Mai mangiati ma mi piacerebbe provarli. Devo farli ma non so se riesco a stenderli cosi

    RispondiElimina
  2. Sembra buono questo pane, io non ne mangio, però ogni tanto da sgranocchiare va bene.

    RispondiElimina
  3. Quando ero piccola e vivevo all'estero mi è capitato spesso di mangiare a colazione un pane croccante simile al knackebrod con la marmellata, trovandolo buonissimo. Penso proprio che proverò a realizzare il knackebrod.
    Maria Domenica

    RispondiElimina
  4. Ottima idea la tua nuova rubrica SchiscettaSanaGustosa, spero tanto che proporrai ricette perfette anche per i bimbi visto che io appartengo alla categoria delle sostenitrici del pasto domestico nelle scuole!
    Non ho mai provato i knackebrod, un'ottima variante dei classici crakers, rimedierò!

    RispondiElimina
  5. buonissimo, passo la ricetta a mio marito…. in cucina è lui che si occupa di questo tipo di preparazioni…...

    RispondiElimina
  6. una ricetta che apprezzo molto, l'ho provato tempo fa e mi piacerebbe farlo in casa

    RispondiElimina
  7. Che bontà, chissà se riesco a farlo anche io. Ci voglio provare =)

    RispondiElimina
  8. Questi crackers alla segale devo ammettere che mi stuzzicano moltissimo, proverò a rifare anch'io la ricetta ed a riproporla ai miei ospiti, grazie per i preziosi consigli ^^

    RispondiElimina
  9. mai mangiati ma da come vedo in foto sono molti invitanti, chi sa se li so fare anch'io

    RispondiElimina

Questo form raccoglierà il tuo nome (se commenti con un account Blogger pubblica il link al tuo profilo) e il contenuto del messaggio, così che si possa tenerne traccia dei commenti postati sul sito web. Per maggiori informazioni controlla la nostra privacy policy, dove troverai info su dove, come e perché vengano conservati questi dati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
...