Crocchette patate e zucca

Cucinato da Barbara
Questa settimana ho trovato nella cassetta settimanale che arriva direttamente a casa dall'Azienda Agricola Feresin una splendida zucca Delica e delle gustose patate gialle ed ho colto l'occasione al volo per preparare queste meravigliose crocchette, realizzate con la ricetta che lo Chef Marco Valletta ha raccontato nella trasmissione Casa Alice.

Ho anche sperimentato il metodo che l'Azienda Feresin suggerisce per sbucciare facilmente la zucca: l'ho tagliata orizzontalmente, posizionata sulla placca ricoperta con carta forno e cotta a 160°C per 50'. Ottenere poi la polpa è stato davvero facile, è bastato un cucchiaio!


Per realizzare l'impasto delle crocchette di patate e zucca ho utilizzato:
400g patate a pasta gialla 
200g polpa di zucca
2 tuorli d'uovo
sale e pepe
100g prosciutto cotto
100g formaggio grattugiato
200g formaggio provolone dolce o piccante

Per la panatura delle crocchette:
200g pangrattato
40g biscotti secchi
2 uova
10g semi di papavero

Inoltre occorre dell'olio di oliva oppure di arachide per la frittura.

Ho lessato le patate con la buccia in acqua salata, sbucciate e passate allo schiacciapatate, ponendole in una terrina. Ho quindi aggiunto la polpa di zucca tagliata al coltello (non volevo una purea, i pezzetti di zucca devono risaltare nel composto), sale e pepe, il formaggio grattugiato, il prosciutto cotto tritato al coltello ed i due tuorli d'uovo.

Ho mescolato accuratamente ed ho formato delle crocchette, inserendo al centro un dadino di formaggio ed ho lasciato poi riposare in frigorifero per un'oretta (questo passaggio si può omettere, oppure "allungare" se desiderate preparare le crocchette in anticipo: la panatura e la frittura vanno invece fatte all'ultimo momento).

Per la panatura ho mescolato il pangrattato, i biscotti secchi sbriciolati ed i semi di papavero.
A parte ho sbattuto leggermente le uova.

Ho quindi passato le crocchette dapprima nelle uova, sgocciolate e passate nella panatura, per poi friggerle nell'olio. 

Mettete le crocchette per qualche istante su carta assorbente e poi... pronti in tavola!





Dolce ai lamponi

Cucinato da Barbara
La ricetta che ho utilizzato per questi mini cake ai lamponi è quella di un cosiddetto quattro quarti, ossia, come mi spiegò sul glorioso forum della Cucina Italiana Alda Muratore, un dolce in cui tutti gli ingredienti sono utilizzati nella stessa quantità. Si comincia con il pesare le uova (con il guscio!) e via via farina, burro e zucchero.


Ho quindi approfittato della vaschetta di buonissimi lamponi trovata nella cassetta settimanale arrivata a casa mia dall'Azienda Agricola Feresin per rendere ancor più golosi questi mini tortini.

Per realizzare questi tortini ho utilizzato:
3 uova medie (peso 180g)
180g di zucchero
180g di farina
180g di burro a temperatura ambiente
8g di lievito per dolci
un pizzico di sale
lamponi

Mescolare in una terrina o in in un robot da cucina il burro morbido con lo zucchero.

Aggiungere quindi le uova ad una ad una, poi la farina setacciata con il lievito ed un pizzico di sale.

Inserire l'impasto in pirottini di carta oppure in stampini precedentemente imburrati ed infarinati e mettere tre lamponi in ogni cake.

Cuocere in forno preriscaldato a 160°C per 30-35': il dolce sarà pronto quando uno stecchino inserito all'interno dell'impasto ne uscirà asciutto.

Pronti in tavola!

Terrina di zucchine - Tian de courgettes au riz

Cucinato da Barbara
Mi sono innamorata di questa ricetta la prima volta che l'ho letta sul sito Smitten Kitchen; si tratta di una semplificazione del Tian de courgettes au riz tratto dal secondo volume di Mastering the Art of French Cooking di Julia Child. Il sito promette che, una volta realizzata questa ricetta, non vorrete mangiare zucchine se non cucinate in questo modo ed in effetti... ci è piaciuta davvero tanto, vista anche l'estrema semplicità di realizzazione.

Ho quindi approfittato delle ultime zucchine della stagione trovate nella cassetta settimanale colma di prelibatezze che arriva direttamente a casa dell'Azienda Agricola Feresin per proporvela e farvela apprezzare!



Gli ingredienti necessari per questa terrina di zucchine sono
1,200g di zucchine verdi o gialle
90g di riso
1 cipolla media
2 spicchi d'aglio
1/2 tazza di acqua o brodo vegetale
50g di parmigiano
sale e pepe
olio extravergine d'oliva
burro

Si comincia con l'imburrare uno o due pirofile e accendere il forno portandolo a 160°C.
Si grattugiano le zucchine (le mie erano verdi e gialle e di medie dimensioni, se fossero grandi le zucchine vanno prima tagliate in quarti e vanno eliminati i semi).




In un grande tegame si riscalda poi dell'olio e si fa rosolare una cipolla tritata. Poi si aggiungono prima due spicchi di aglio tritati o passati al premi aglio, poi il riso, che andrà lasciato cuocere per un paio di minuti. Spento il fuoco, nel tegame si aggiungono le zucchine grattugiate, sale e pepe, la mezza tazza d'acqua o brodo vegetale e metà del parmigiano grattugiato.

Si trasferisce quindi il composto nelle pirofile, si copre con un foglio di carta o di alluminio e si cuoce per 50-60 minuti. Trascorso questo tempo si toglie la copertura, si aggiunge il resto del parmigiano grattugiato e si lascia gratinare la terrina per una decina di minuti a 220-230°C.

Pronti in tavola!

Peperoni ripieni

Cucinato da Barbara
Da quando ho assaggiato il formaggio Feta cotto, sono rimasta talmente entusiasta del sapore da cercare in giro altre ricette per poterla realizzare. Mi è capitata sott'occhio la ricetta dei Mini zesty feta stuffed peppers del sito Two purple figs, ma siamo in ottobre, dove li vado a trovare io dei mini peperoni? Tra l'altro mi è capitato di assaggiarli e non li ho trovati molto saporiti, non erano di provenienza italiana, quindi... desisto? La fortuna ha voluto che nella cassetta settimanale colma di prelibatezze che arriva direttamente a casa dell'Azienda Agricola Feresin ci fossero dei peperoni, non proprio mini, ma sicuramente più piccoli di quelli standard: gialli arancio e rossi, dal sapore dolce e fruttato, teneri e succosi, con polpa croccante e buccia molto sottile perfetti per realizzare quello che avevo in mente.


Per realizzare i miei mini peperoni ripieni al forno ho utilizzato:
piccoli peperoni rossi, gialli e arancio
formaggio Feta
panna acida
erba cipollina
prezzemolo
origano fresco
aglio
scalogno
olio extravergine d'oliva
olive taggiasche

Più che darvi le quantità dei singoli ingredienti, che dipendono da quanti peperoni delle diverse dimensioni dovrete farcire, preferisco dirvi che per ogni 200g di feta, ho aggiunto 100g di panna acida, 1 spicchio di aglio, uno scalogno e una quindicina di piccole olive.

Si comincia con lo sbriciolare il formaggio Feta in una ciotola, unendo poi la panna acida, le erbe tritate, l'aglio premuto allo schiacciagli o finemente tritato e lo scalogno tritato. Mescolate accuratamente ed aggiungete da ultimo le olive denocciolate: se sono piccole come le mie potrete lasciarle intere, altrimenti tagliatele a pezzetti.


Tagliate la calotta dei peperoni e farciteli, ma non fate il mio stesso errore, siate parchi con l'impasto, altrimenti in cottura il calore farà debordare la farcitura dal peperone.

Metteteli poi su una teglia ricoperta di carta forno, ricopriteli con un velo d'olio e passateli sotto al grill per una decina di minuti: se fossero più piccoli il tempo sarà decisamente inferiore.

Pronti in tavola!


Feta al forno

Cucinato da Barbara
Ho sempre mangiato il formaggio Feta in varie insalate primaverili ed estive, quindi leggere la ricetta di una feta al cartoccio sul numero di settembre di Alice mi ha davvero incuriosito. Mi sono ritrovata ad avere delle foglie di vite non trattata e quindi non mi sono fatta scappare l'occasione di provarla: gusto più morbido rispetto ad una feta "cruda", ingentilito ed aromatizzato dalle foglie che riproporrò sicuramente sulla mia tavola, sostituendo il "cartoccio" con semplice carta forno.


Per realizzare la Feta al forno in cartoccio per quattro persone vi occorreranno:
12-16 foglie di vite fresche e non trattate
2 fette di feta da 200g l'uno
peperoncino, olio, pepe

Ricetta davvero di semplice realizzazione, si comincia con il lavare accuratamente le foglie di vite, asciugarle e rimuovere lo stelo; su un tagliere sistematene quindi a raggiera leggermente sovrapposte 5-6, poggiate sopra una fetta di Feta, condite con peperoncino, olio e pepe ed appoggiate 1-2 foglie sopra per completare il pacchetto, legandolo poi con spago da cucina. Fate altrettanto con la seconda fetta di Feta.

Mettete i due cartocci su una teglia ricoperta di carta forno e fate cuocere a 190° per circa 20 minuti. Sfornate il formaggio, aprite lo spago e servite ben caldo, è molto buono anche tiepido.

In tavola!

.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
...